Previous month:
January 2009
Next month:
March 2009

Un vero maestro

Il Resto Del Carlino - Forlì - Il menù del ‘poeta contadino’ "Mangiate cibo locale".

Forlimpopoli, 16 febbraio 2009 - A giugno era rimasto nel suo Kentucky: non poteva lasciare i campi nel periodo più intenso dell’anno. Ma con Forlimpopoli aveva un ‘debito’, che ha onorato ieri. Wendell Berry ha ricevuto il Premio Artusi 2009 nella chiesa dei Servi e scrive il suo nome dopo altri personaggi illustri come Muhammad Yunus, Eduardo Galeano e Vandana Shiva. Poco conosciuto al pubblico italiano, Berry, classe 1934, negli Stati Uniti è considerato un vero maestro. READ MORE ...


More on WB in Italy & Italian

Wendell Berry domani all'Università di scienze gastronomiche.

'Mangiare è un atto agricolo': è questo il noto aforisma che racchiude il pensiero di Wendell Berry, agricoltore, docente universitario, scrittore e poeta statunitense che domani 17 febbraio alle 10, sarà all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cascina Albertina, Via Amedeo di Savoia 8, Pollenzo – Bra). Un appuntamento che rappresenta una rara occasione per incontrare questo interessante personaggio. I suoi temi sono quelli delle economie locali, del valore della comunità, dei saperi tradizionali, della manualità, della sostenibilità ecologica. Riflessioni mai svincolate dalla pratica, e per questo straordinariamente efficaci. Tra i suoi scritti, Slow Food Editore ha pubblicato in Italia, nel 2006, per la collana Terra Madre, 'La risurrezione della rosa'. Agricoltura, luoghi, comunità, raccolta di saggi tratti da 'What are people for?' e 'The art of commonplace'.

Scrive Carlo Petrini nella prefazione: "Il grande pubblico italiano non conosce ancora l’importanza che quest’uomo ha avuto e ha nella società americana, soprattutto nella sua parte più sensibile alle tematiche ambientaliste e ruraliste. (...) Berry prende come spunto per le sue riflessioni l’osservatorio del Kentucky, dove vive. Proprio partendo dal suo specifico riesce ad analizzare in modo radicale le distorsioni del modello produttivistico industriale che ha sconvolto profondamente la società rurale americana. Il percorso di Berry è molto originale: dopo gli studi di letteratura, nel 1964 ha preso a condurre una fattoria vicino ai suoi luoghi natii ma, oltre a essere sempre stato contadino, ha insegnato inglese a New York, ha viaggiato molto in Europa grazie a borse di studio ed è stato docente all’Università del Kentucky. Alla fine però il suo è stato un vero ritorno alla terra, perché ha finito con il dedicarsi soprattutto all’attività di agricoltore, pur rimanendo un autore prolifico".


WBG in Italia

Forlì-Cesena: Lo scrittore Wendell Berry premiato con il Pellegrino Artusi.

"Non ho la ricetta per cambiare il mondo - ha detto lo scrittore americano - ma quando negli anni Sessanta ho trascorso un periodo di studio a Firenze ho scoperto che le opere d'arte non erano solo nei musei e nei palazzi, ma anche nella campagna toscana e questo mi ha fatto comprendere che le mie colline nel Kentucky erano state usate male ed ho cominciato a riflettere sull'agricoltura". Wendell Berry nel ricevere il premio ha sostenuto la "necessità di un'agricoltura più sostenibile, che provochi meno erosione al suolo e salvaguardi la terra per le generazioni future".


ROUGH TRANSLATION:
“I do not have a prescription to change the world," the American writer said. "But in the Sixties I studied for a while in Florence. I discovered that the art works were not only in the museums and the palaces, but also in the Tuscan countryside, and this made me realize that my hills in Kentucky had been badly used. And I began to reflect on agriculture.” Wendell Berry has received the prize for promoting the “necessity of a more sustainable agriculture, that provokes less soil erosion and safeguards the earth for future generations”.

The article begins by quoting WB: “Italy has made me understand that agriculture can be an artistic act."


The Italian Buzz

Quotidiano.Net -> Eventi.

L’estate scorsa aveva dato forfait: "Mica posso lasciare i campi proprio in giugno" comunicò al Comune di Forlimpopoli. Sette mesi dopo Wendell Berry mantiene la promessa: il poeta, saggista e contadino amerciano, profeta della filiera a chilometro zero, sarà in paese domenica e lunedì per ritirare il premio Artusi.

Domenica alle 17 Berry parteciperà all’incontro ‘I mercati contadini: perché mangiare è un atto agricolo’. A sera cena speciale a Casa Artusi in suo onore, realizzata con l’utilizzo di prodotti proveniente dalla Romagna e in particolare il pesce povero dell’Adriatico (prenotazioni allo 0543-748049). Lunedì poi il contadino del Kentucky — che non utilizza il computer e ha preso contatti col Comune solo attraverso il telefono e lettere scritte di proprio pugno — terrà una Lectio Magistralis a Casa Artusi (ore 11), dedicata all’evoluzione del rapporto tra economia e agricoltura.

SCHEDA EVENTO
Quando
15/02/2009 11:00 fino al 15/02/2009 23:59

Dove
Indirizzo: Casa Artusi, Forlimpopoli
Città: Forlimpopoli (FC)


Blog Watch: Reading Nathan Coulter

Lines From the Page: Nathan Coulter by Wendell Berry.

Quite honestly, I didn't find this novel to have the same charm and wisdom as Hannah Coulter. It is a coming-of-age story that offers insights into family relationships and values in a different time and place, but I really felt that the protagonist is underdeveloped. Like Hannah, Nathan Coulter narrates his own story. But while Hannah shares many of her own thoughts and emotions, Nathan is not so transparent, and it seems that he fades into the background of the story while we discover more about his father, older brother Tom, and Uncle Burley from his observations and comments. READ MORE ...


WB, McKibben, Speth appearance

CCAN - Take Action.

We are honored to host Wendell Berry, one of the giants in environmental literature -- along with writers Bill McKibben and Gus Speth -- for a night of discussion, poetry and inspiration. They will be joined by noted authors and activists Terry Tempest Williams and Janisse Ray.

WHERE: The George Washington University Lisner Auditorium, 730 21st Street NW, Washington DC

WHEN: Sunday, March 1st, 6:30 - 8:30 PM

There will also be a pre-event reception. Meet these five renowned authors personally at a small, intimate reception just prior to the main event Sunday night. We'll have great food and warm cider for you during this hour-long reception, beginning at 5:30 pm. READ MORE ...


How's our Italian?

Forlimpopoli: arriva il poeta americano Wendell Berry.

FORLIMPOPOLI - Wendell Berry, vincitore del Premio Artusi 2008, l'aveva promesso: "verrò a Forlimpopoli nel 2009 per ritirare il Premio". Promessa mantenuta: Berry, poeta, studioso, contadino americano e "profeta" della filiera a km zero promotore dell'esperienza dei farmers market in California e autore di numerosi scritti dedicati all'argomento sarà a Forlimpopoli (FC) domenica 15 e lunedì 16 febbraio, per ritirare il Premio Artusi.


UPDATE: An Italian friend says

Wendell Berry is the recipient of the Artusi Prize. Artusi :
http://en.wikipedia.org/wiki/Pellegrino_Artusi

Wendell Berry, mentioned as the farmer poet, received the award last summer but promised he would come to have it handed to him as soon as he could leave his farm. He will have several lectures also in the presence of  politicians and several Associations (biological farming...) and so forth will be present.

The ceremonies will take place on February 15 and 16, 2009 (this coming Sunday and Monday).


Rod Dreher presents Bob Waldrop

Monks & Catholic agrarianism in these times - Crunchy Con.

I think I am safe in predicting that if the government does do something to help the financial crisis, it will [be] an accident. It's clear to me that the government hasn't a clue as to what is happening, and the reason for that is mostly ideological. They believe their own rhetoric - the false doctrine of American Exceptionalism - and they can't even begin to conceptualize the dead end the United States is staring at right now. Our entire economy is built on exploiting the seven deadly sins - on penalizing the ants on Main Street and rewarding the parasitic grasshoppers on Wall Street, on taking from the poor and working and middle classes and giving to the idle rich, on rewarding corruption and destroying honesty. We think we can maintain a worldwide military empire, go anywhere and kill anyone we want, and never suffer any consequences. It is as Chesterton said, "From the standpoint of any sane person, the present problem of capitalist concentration is not only a question of law, but of criminal law, not to mention criminal lunacy."

In the real world, we reap what we sow, and it is also as the book of Sirach says, "Sow not in furrows of injustice lest you reap a seven-fold harvest." I have tried to contemplate what that might look like, and I always recoil from the vision. READ MORE ...